Seguici per restare aggiornato su nuove opportunità, progetti e servizi

Moving Coop: un progetto transnazionale

Moving Coop è un Progetto di mobilità transnazionale finanziato dal FSE nell’ambito POR CRO FSE 2007-2013 Asse V Transnazionalità ed interregionalità.
Il Progetto prevede azioni di mobilità verso Danimarca, Polonia, Spagna, Svezia per fini professionali, di 81 imprenditori, amministratori, direttori di settore e dirigenti di cooperative per favorire l’acquisizione di competenze e/o il trasferimento tecnologico.

La Coop.va Soc. Arcobaleno ha scelto di visitare le eccellenze danesi in fatto di servizi e di strutture rivolte all’infanzia, all’adolescenza e all’integrazione. La missione transnazionale ha coinvolto 10 responsabili della cooperativa. Il riferimento della spedizione, nonché partner del progetto è stato Claus Jensen, referente del BUPL di Aarhus il sindacato dei pedagogisti. Come destinazione abbiamo scelto Aarhus, la seconda città danese, perché caratterizzata da un pensiero pedagogico e da un sistema di servizi educativi consolidato e articolato.
Incontrare e conoscere realtà diverse dalla nostra serve a promuovere cultura, generare nuove attenzioni e curiosità, sollecitare un confronto sulle metodologie pedagogiche.
Nello specifico abbiamo visitato ovviamente la sede del nostro partner BUPL, dove Claus Jensen ha presentato l’associazione, le loro attività e la storia del sistema di servizi all’infanzia e all’adolescenza danesi. Questo è stato molto utile per tutti in quanto abbiamo potuto confrontarci reciprocamente sull’evoluzione dei servizi educativi in Italia e in Danimarca. Claus inoltre molti anni fa aveva svolto una ricerca per confrontare i nidi e le scuole materne italiane e danesi.

Durante il nostro soggiorno ad Aarhus era in corso il Festival Culturale dell’Infanzia “Boernekulturaaahrus” ed abbiamo avuto il piacere di partecipare ad alcune iniziative nonché di conoscere le persone coinvolte nell’organizzazione. Questa manifestazione ha scaturito in noi la voglia di provare, nel nostro piccolo, a realizzare manifestazioni pensate finalmente per i bambini, dove loro stessi potranno essere i protagonisti e allo stesso tempo dare visibilità ai nostri servizi.

Altrettanto interessante e ricca di stimoli è stata la visita ai centri 0-6 anni “Haven”, “Troldhoj” e la scuola materna nel bosco “Skovtrolden” sempre ad Aarhus dove abbiamo riscontrato un maggiore stato di libertà di programmazione e gestione dei bambini. In particolare gli educatori si concentrano sullo sviluppo del linguaggio, del movimento e della socializzazione dei bambini, cercando di creare il tempo, lo spazio e l’ambiente giusto affinché il gioco sia di sostegno e sviluppi la loro creatività. Molto importante è anche la selezione di giocattoli perché niente sia affidato al caso e anzi tutto sia in grado di sostenere lo sviluppo dei bambini. Inoltre non possiamo fare a meno di notare il fondamentale ruolo svolto dai giardini attorno alle scuole, infatti la maggioranza delle attività sono svolte all’aria aperta indipendentemente dal clima meteorologico.
Questo è soprattutto vero per la scuola materna nel bosco, dove il parco gioco dei bambini è principalmente formato da alberi predisposti al gioco come per esempio per l’arrampicata e la casetta sull’albero. Abbiamo avuto il piacere di visitare anche un centro di aggregazione giovanile per adolescenti il Klubben Peter Faber di Aarhus diviso in diverse sezioni: Leisure Club (5º + 6º grado), Teen Club (7º grado) e Gioventù (8º grado – 18 anni).

Principalmente sono inseriti giovani socialmente vulnerabili o con handicap ma non solo, infatti obiettivo generale del club è quello di sostenere i giovani nella costruzione di una vita sana, innovativa per essere attivamente coinvolti nei processi di formazione. Gli educatori cercano di creare, attraverso uno stretto rapporto di lavoro tra i giovani e il personale del club, un ambiente familiare, stimolante, coinvolgente e assolutamente non giudicante. Anche qui è stato molto bello lo scambio di buone prassi, adattissimo per capire le rispettive lacune e i punti di forza. L’esperienza maturata in Danimarca è stata molto utile al “team” dell’Arcobaleno per ideare e mettere a punto nuove iniziative rivolte alla collettività. E non solo: l’elaborazione dell’esperienza sarà presentata all’amministrazione comunale e a tutta la comunità per una riflessione concreta sul nostro sistema di servizi rivolto ai minori.

Al link sottostante un breve trailer sull’ esperienza.
http://youtu.be/4808t16_hYc

Contattaci per avere ulteriori informazioni sui nostri servizi

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta