iscrizione convegno Le demenze

locandina convegno Le demenze

news




Le demenze. Inquadramento, diagnosi e prevenzione

Le demenze. Inquadramento, diagnosi e prevenzione

Convegno 13 dicembre 2019

Secondo una statistica in Italia, i malati di demenza sono tra l'uno e il cinque per cento delle persone sopra i sessantacinque anni d'età e il trenta percento degli individui ultraottantenni. L'Alzheimer è la forma di demenza in assoluto più comune nell'essere umano, ma i tipi di demenza sono numerosi e tra le più importanti possiamo trovare la demenza vascolare, la demenza con corpi di Lewy e altre forme di demenza. Dato anche il continuo incremento delle vita media, gli esperti prevedono che nel 2020 i soggetti al mondo con una forma di demenza saranno circa 48 milioni. La necessità di formazione e informazione della cittadinanza e dei professionisti, ha portato ad organizzare una giornata/convegno sul tema delle Demenze nella città di Follonica provincia di Grosseto insieme al centro studi Orsa di Firenze, con il patrocinio del COeSO SDS Grosseto e il comune di Follonica grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. L'intento é quello di sensibilizzare il territorio sul tema della demenza sia considerando i professionisti del settore che la cittadinanza, attraverso interventi di relatori di spicco del settore a livello nazionale e regionale. L'iscrizione, non obbligatoria, per la partecipazione può essere fatta attraverso il sito www.arcobalenocoop.it e l'ingresso è libero. Il convegno avrà inizio alle 9 e si terrà alla sala Tirreno in via Bicocchi 53/a a Follonica. Per info: 338.2228462.

Read more

"Selfie" di Agostino Ferrente, a seguire incontro con il regista.

Sabato 23 novembre alle ore 18,00 in Pinacoteca di Follonica proiezione del bellissimo e pluripremiato film documentario

Napoli, Rione Traiano. Nell’estate del 2014 un ragazzo di sedici anni, Davide, muore, colpito durante un inseguimento dal carabiniere che lo ha scambiato per un latitante. Davide non aveva mai avuto alcun problema con la giustizia. Come tanti adolescenti, cresciuti in quartieri difficili, aveva lasciato la scuola e sognava di diventare calciatore. Anche Alessandro e Pietro hanno 16 anni e vivono nel Rione Traiano. Sono amici fraterni, diversissimi e complementari, abitano a pochi metri di distanza, uno di fronte all’altro, separati da Viale Traiano, dove fu ucciso Davide. Alessandro è cresciuto senza il padre, che dopo la separazione dalla madre si è trasferito lontano da Napoli. Ha lasciato la scuola dopo una lite con l’insegnante che “pretendeva” imparasse a memoria “L’Infinito” di Leopardi. Ora fa il garzone in un bar: guadagna poco, non va in vacanza ma ha un lavoro onesto in un quartiere dove lo spaccio, per i giovani disoccupati, è un ammortizzatore sociale di facilissimo accesso. Pietro ha frequentato una scuola per parrucchieri, ma al momento nessuno lo prende a lavorare con sé. Alessandro e Pietro accettano la proposta del regista di auto-riprendersi con il suo iPhone per raccontare in presa diretta il proprio quotidiano, l’amicizia che li lega, il quartiere che si svuota nel pieno dell’estate, la tragedia di Davide. Aiutati dalla guida costante del regista e del resto della troupe, oltre che fare da cameraman, i due interpretano se stessi, guardandosi sempre nel display del cellulare, come fosse uno specchio, in cui rivedere la propria vita. Un film fatto interamente di sguardi dove il rione appare ai due ragazzi come una parafrasi dell’Infinito di Leopardi, che Alessandro prova finalmente a raccontarci: circondato da un muro che esclude la conoscenza di tutto ciò che sta al di là e che forse, si augura, un giorno, almeno i suoi figli potranno finalmente scoprire. In collaborazione con l'associazione Kansassiti e Spazi Ragazzi. https://www.youtube.com/watch?v=ZXKfW8fkcqQ

Read more

Tutelare l' ABC - Ambiente Bene Comune

Tutelare l' ABC - Ambiente Bene Comune

Nell'ambito del Progetto Tutelare l'ABC- Ambiente Bene Comune- finanziato con il contributo di Ministero del Lavoro e politiche sociali e Regione Toscana all’ Associazione di volontariato VAB- Vigilanza Antincendi Boschivi Toscana ONLUS, è stata organizzata, in collaborazione con la Cooperativa sociale Arcobaleno, una formazione per i volontari dell’associazione, presso la struttura Pratini di Valli nel Parco di Montioni nei giorni 26 e 27 ottobre. L’obiettivo è stato quello di fornire a coloro che nella VAB che si occupano di realizzare incontri di sensibilizzazione con bambine/i e ragazze/i, una formazione specifica volta a inquadrare le azioni e le attività proposte in una cornice pedagogica di riferimento. In particolare è stato preso in considerazione l’approccio educativo metodologico dell’Outdoor Education già sperimentato dalla cooperativa sociale Arcobaleno nel progetto di gestione dei suoi servizi all’infanzia e nelle attività della struttura Pratini di Valli, gestista in collaborazione con la Sezione VAB di Follonica, l’Associazione Amici dei cani di Follonica e la cooperativa sociale Il Melograno. E’ stato un grande momento di confronto tra i volontari VAB che da anni progettano interventi nelle scuole per definire insieme gli obiettivi, gli strumenti e le azioni che attualmente si utilizzano e l’occasione per migliorarli insieme collocandoli in una cornice metodologica specifica. È dall’esperienza della VAB spesso costellata di casi di devastazioni del patrimonio ambientale e naturalistico per mano colposa o talora dolosa dell’uomo, che si evidenzia com’è indispensabile formare i singoli cittadini ad una co-responsabilità, non solo per evitare rischi (es. incendi, altre emergenze ambientali), ma per promuovere attivamente la tutela dell’ambiente come bene comune. Bisogna dunque – per parafrasare il titolo del progetto – tutelare l’A.B.C., l’Ambiente come Bene Comune, proprio partendo da aspetti basici, l’A.B.C. Per questo occorre rafforzare la capacità del volontariato e della scuola nel trovare stabilmente modalità e metodi adeguati per sviluppare tale coscienza civica comune.

Read more

Spettacolo dei Gattopicchi

Spettacolo dei Gattopicchi "Silenzio Vivo"

Sabato 12 ottobre alle 21:15

Arcobaleno cooperativa sociale e Associazione culturale Gattopicchio propongono un laboratorio di teatro fisico condotto da Laura Scudella, pedagogista e danzatrice, in cui sia possibile un incontro tra persone, inevitabilmente diverse tra loro (anche con diverse abilità fisiche). Ognuno di noi è unico, senza aspettative, senza giudizi o pregiudizi, ma con la voglia di mettersi in gioco e soprattutto di mettersi in ascolto delle proprie sensazioni imparando a conoscerle e riconoscerle proprio per non attribuire all’altro ciò che invece appartiene a noi. Uno spettacolo dove la diversità diviene solo l'opportunità di invenzione, creatività, incontro e spunto artistico.

Read more

in evidenza



Contattaci per avere ulteriori informazioni sui nostri servizi

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta